Biografia

fotoBioAlessandro Liberatore nasce a Roma dove compie gli studi musicali. Vince in giovanissima età importanti concorsi di canto tra cui il concorso Enrico Caruso, il Città di Nettuno ed il concorso Zandonai, grazie al quale debutta nel Don Giovanni, come Don Ottavio. Allievo di Luciano Pavarotti e sotto la super visione del maestro Leone Magiera prepara gran parte del repertorio operistico che interpreterà nelle stagioni a venire. Nell'Ottobre 2002 canta a fianco di Luciano Pavarotti in recital a Montecarlo e debutta nei mesi successivi come Rodolfo nella Bohème con la regia di Luciano Pavarotti andata in scena nella Valle dei Templi di Agrigento. Tra le interpretazione degli esordi ricordiamo: il debutto all’Auditorium Verdi di Milano in Amal e gli ospiti notturni di Giancarlo Menotti diretto da Romano Gandolfi; il debutto al Teatro dell'Opera di Roma nei Capuleti e i Montecchi (Tebaldo) diretto da Nello Santi; il debutto al Carlo Felice di Genova nel Nabucco (Ismaele) diretto da Riccardo Frizza e il debutto al Teatro delle Muse di Ancona nuovamente nel ruolo di Rodolfo ne La Bohème con la direzione di Paolo Arrivabeni. Il suo repertorio comprende soprattuto opere di Mozart, Bellini, Donizetti, Verdi, Puccini e diversi titoli del repertorio francese cui ritorna con particolare piacere.
Ha partecipato a concerti organizzati dall’Arena di Verona in diverse città europee. Successivamente ha interpretato il ruolo di Ismaele nel Nabucco al Festival di Bassano del Grappa e nei teatri di Rovigo, Pisa, Trento e Bolzano. Tra i primi successi citiamo inoltre: Alfredo (La Traviata) nei teatri del circuito lirico lombardo, a Salerno, Sassari, Bolzano e a Madrid nella produzione curata da Franco Zeffirelli; Rodolfo (La Bohème) al Festival di Bassano del Grappa e al Teatro São Carlos di Lisbona; Riccardo (Un ballo in maschera) al Teatro Bellini di Catania e al Massimo di Palermo; Pinkerton (Madama Butterfly) a Tokyo e in altri teatri giapponesi; Cassio nell’Otello di Verdi al San Carlo di Napoli; Tito (La clemenza di Tito), Otello e Werther a Sassari; Marco Aurelio in Cleopatra di Lauro Rossi all’Arena Sferisterio di Macerata; Ismaele (Nabucco) al Teatro La Fenice di Venezia.
Attivo anche sul versante concertistico ha interpretato: la Messa di Gloria di Puccini, la Messa dell’Incoronazione KV 317 di Mozart al Filarmonico di Verona e il Requiem di Mozart nei teatri di Ancona, Pesaro e Jesi; è stato protagonista del concerto Omaggio a Tito Schipa tenutosi a Lecce e del quale è stato prodotto un CD edito da Bongiovanni.
Tra gli impegni delle passate stagioni ricordiamo: La Bohème (Rodolfo) all’Opera di Skopje, alla Deutsche Oper di Berlino e alla Palm Beach Lyric Opera; Rigoletto (Il duca di Mantova) al Teatro Massimo di Palermo; Madama Butterfly (Benjamin Pinkerton) alla Florida Grand Opera di Miami; La clemenza di Tito a Bergen; Thaïs (Nicias) e Idomeneo (Arbace) al Teatro Regio di Torino; L'elisir d’amore (Nemorino) in una produzione del Teatro Regio di Torino ad Alessandria e Vercelli; Rigoletto (Duca di Mantova) a Palermo; Macbeth (Macduff) a Sassari; Der Rosenkavalier (un cantante italiano) a Barcellona. È stato protagonista de La Bohème in scena a Dublino e Belfast e successivamente allo Sferisterio Opera Festival di Macerata ne I lombardi alla prima crociata (Arvino), in Idomeneo (Arbace) alle Settimane Musicali di Stresa, in La traviata a Malta, mentre a Dobbiaco ha interpretato Oliviero in Adelia e la Messa di Gloria di Puccini. Più recentemente ha cantato Rodolfo ne La Bohème a Hong Kong e di nuovo La Traviata, questa volta al teatro Verdi di Trieste e a Karlsruhe. Al Teatro Real di Madrid ha interpretato Der Rosenkavalier (un cantante italiano) mentre a Manchester è stato Cassio in Otello con la BBC Philharmonic; seguono quindi Lucia di Lammermoor alle Settimane musicali di Stresa e a Rovigo; Madama Butterfly a Seoul e in forma di concerto a Cesena; Rigoletto a Cosenza; La traviata a Rouen; Lucia di Lammermoor al Massimo Bellini di Catania; Petite messe solennelle ad Erl e al Tiroler Festspiele; Nabucco a Cagliari, Sassari ed Erl.
Alessandro Liberatore ha appena riscosso il consenso di pubblico e critica per il suo debutto nel Requiem di Verdi a Cagliari a cui sono succeduti Madama Butterfly a Tampere, Rigoletto a Valencia e a Lisbona;  Lucio Silla (ruolo del titolo) al Gran Teatre de Liceu di Barcellona; Requiem di Verdi a Pisa per il Festival Anima Mundi e a Dobbiaco con l'Orchestra Haydn; Mysterium di Rota a Roma e al Teatro San Carlo di Napoli dove poi è stato impegnato in Otello; Lucia di Lammermoor a Catania; Manon Lescaut al Teatro dell'Opera di Roma diretto da Riccardo Muti; la Missa Solemnis a Cagliari; La Bohème alle Terme di Caracalla e a Mannheim; Manon di Massenet a Liegi; Nabucco a Nancy; Mysterium di Rota a Milano con l'Orchestra Verdi; Lucia di Lammermoor al Teatro dell'Opera di Roma.
Tra i suoi progetti futuri segnaliamo: Mysterium di Rota al Petruzzelli di Bari; L'Elisir d'amore a Cagliari; Requiem di Verdi a Erl; Un Ballo in Maschera a Berna; Elisabetta regina d'Inghilterra a Sassari; Messa di Gloria di Puccini a Oviedo.

facebook